fbpx
Il Primo Anno Del Puledro: Dieta Bilanciata Per Uno Sviluppo Armonico
26 Aprile 2021

Paste defaticanti per gli arti del cavallo: le proposte di Equiplanet

L’impiego di paste defaticanti nei nostri cavalli è d’uso comune e ha lo scopo proprio di rinfrescare e rilassare le strutture maggiormente coinvolte nello sforzo atletico: muscoli, tendini e legamenti. In commercio esistono diversi prodotti per gli arti del cavallo per alleviare il dolore e riassorbire il gonfiore degli arti, vediamo insieme come scegliere le paste defaticanti e come utilizzarle al meglio:

paste defaticanti per gli arti del cavallo

Paste defaticanti per gli arti del cavallo: quanto incidono le condizioni del terreno

Un cavallo che corre sulle lunghe distanze, come il cavallo da endurance, è facilmente soggetto ad affaticamento degli arti, a causa del continuo impatto col terreno. In base a dove vengono disputate le competizioni e a seconda delle condizioni atmosferiche i terreni possono essere duri mettendo a rischio le componenti ossee, oppure morbidi con possibile compromissione di tendini e legamenti. I terreni, inoltre, possono essere sconnessi con buche e avvallamenti, un vero pericolo per l’intero apparato locomotore. I cavalli da concorso, invece, sono normalmente interessati da lesioni come tendiniti e desmiti, causate dai ripetuti traumi che si verificano soprattutto quando i cavalli si ricevono dal salto.

Paste defaticanti per gli arti del cavallo: perché vengono chiamate “crete” o “cretate”?

Le paste defaticanti per i cavalli vengono comunemente chiamate “cretate” o “crete” perché sono composte generalmente da argille.  In commercio si differenziano principalmente in cretate grigie/verdi e bianche in base alla composizione. La grigia o verde è comunemente detta anche flogestina perché è in grado di contrastare le infiammazioni (flogosi) grazie a dei componenti al suo interno come olii essenziali o estratti di piante con queste capacità.

Da cosa sono composte le paste defaticanti per gli arti del cavallo di Equiplanet?

La bentonite è un’argilla che di solito proviene da cenere vulcanica. È costituita principalmente da silice e alluminio (alluminosilicato) da altri minerali, tra cui sodio, magnesio, calcio, ossido di ferro e potassio. L’argilla di bentonite viene utilizzata da anni in cosmetica come riempitivo, addensante e legante. Un altro componente delle paste defaticanti Equiplanet è il glicerolo, molto utilizzato in cosmetica per le sue capacità emollienti, umettanti, igroscopiche e antiossidanti.

Le paste defaticanti Equiplanet sono in grado infatti di riassorbire edemi, qualora ci sia ristagno di liquidi nelle parti distali degli arti dopo l’attività sportiva. Equifresh clay è composta da bentonite, glicerolo arnica, mentre Equiwhite clay da bentonite, glicerolo e olio essenziale di lavanda.

Equifresh Clay

È una cretata grigia a base di alluminio-silicati e arnica con azione defatigante e rinfrescante. È una flogestina da utilizzare nel post lavoro, dà sollievo all’affaticamento e riduce il gonfiore degli arti. L’arnica è una pianta dalla potenti proprietà antinfiammatorie particolarmente indicata in caso di stiramenti muscolari, traumi, contusioni ed ematomi. L’utilizzo di Equifresh Clay è indicato anche quando sono presenti abrasioni o ferite sulla cute.

Equiwhite clay

È una cretata bianca con potere astringente a base di argilla e olii essenziali di lavanda. Quello di lavanda è un olio essenziale forse tra i meno conosciuti. Viene estratto dalla Lavandula angustifolia ed è ricco di proprietà, oltre ad avere un gradevole aroma. L’olio essenziale di lavanda nelle paste defaticanti per gli arti del cavallo ha effetto, antidolorifico e rilassante.

Quale scegliere tra le paste defaticanti per gli arti del cavallo?

Dipende dall’effetto che vogliamo ottenere e dalle condizioni degli arti del nostro cavallo. Se volgiamo un effetto rifrescante, adsorbente, la cute è integra, è sicuramente suggerito l’utilizzo di Equiwhite clay. Se il nostro cavallo oltre alla necessità di defatigare dopo il lavoro ha subito dei traumi che comportano dolore, infiammazione, ristagno di liquidi, escoriazioni, è preferibile utilizzare Equifresh Clay.

Come si stendono le paste defaticanti sugli arti del cavallo?

Le paste defaticanti si applicano sugli arti del cavallo dopo il lavoro, a freddo o a caldo (riscaldando a bagno maria), frizionando leggermente fino a ottenere uno strato di almeno 0,5-1 cm di spessore in base all’intensità dell’effetto che si vuole ottenere. In base alle abitudini di scuderia è possibile coprire lo strato di pasta defaticante con della carta e successivamente utilizzare una fascia da riposo. Dopo 12 ore occorre sfasciare e rimuovere la pasta defaticante con una spazzola o con acqua.

La spazzola può lasciare impurità o polvere, e può colpire zone lesionate o fragili, mentre l’acqua consente una migliore pulizia e il getto della canna può anche promuovere ulteriore il rilassamento. È preferibile non utilizzare la carta dei quotidiani per coprire la pasta defaticante perché gli inchiostri contengono metalli come nichel, cromo e cobalto che potrebbero essere assorbiti attraverso la cute, soprattutto in caso di ferite.

È corretto coprire le paste defaticanti con la pellicola trasparente?

L’uso della pellicola serve quando si vuole evitare che la paste defaticanti si asciughino troppo rapidamente e quando si desidera conferire un maggior effetto emolliente. L’utilizzo dipende dal clima e dal tempo di applicazione sugli arti del cavallo. In zone molto umide o quando viene rimossa dopo 12 ore, non è necessaria la copertura con pellicola

Perché usare le paste defatiganti di Equiplanet?

Le paste defaticanti sono un cosmetico di uso comune in scuderia e spesso vengono scelte in base alle abitudini. In realtà, come per i mangimi complementari si sceglie il prodotto in base al fabbisogno da soddisfare, anche la valutazione delle paste defaticanti deve essere ponderata secondo necessità. Per questo Equiplanet, che da oltre 20 anni si occupa del benessere del cavallo sportivo, ha ritenuto necessario formulare due prodotti differenti, in base alle esperienze in campo. Un solo cosmetico non può essere sufficiente a trattare tutti i traumi del cavallo allo stesso modo.

Applicare regolarmente, dopo il lavoro, Equifresh Clay o Equiwhite Clay agli arti dei cavalli da competizione, garantisce effetti defatiganti e decongestionanti. Non sai quale sia la pasta defaticante più utile per dare sollievo al tuo cavallo dopo il lavoro?

Scrivi a info@equiplanet.ite sapremo consigliarti al meglio

Per rimanere aggiornato sui nostri contenuti seguici su Instagram

0